Empoli Meteo

Il nuovo sito meteo degli empolesi e con un occhio sulla nostra bella Toscana


Comparazione tra attività solare,dei vortici polari e delle temp. globali

Condividere
avatar
Fabri93
Admin

Messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 04.01.12
Età : 24
Località : Empoli (Fi)

Comparazione tra attività solare,dei vortici polari e delle temp. globali

Messaggio Da Fabri93 il Ven Gen 02, 2015 9:04 pm

Trovare correlazioni tra l'attività solare (della nostra stella) e l'attività del vortice polare NH (Emisfero Nord) e di quello australe SH (Emisfero Sud) è una cosa che mi ha sempre affascinato,aggiungendoci poi quella con le temperature globali.
Quindi entrerò anche nelle insidiose acque di chi sostiene il GW e di chi sostiene il GC.
Fin da piccolo mi sono sempre domandato se il clima fosse in qualche modo correlato all'attività solare,visto che lo stesso astro è per il nostro pianeta fonte vitale per il sostentamento di tutti i suoi esseri viventi.
Cosi ormai dopo anni di forum e analisi in campo meteo e non,mi sono deciso di provare a vedere se tutto ciò è verità o meno.

Nel corso degli anni la nostra stella ha visto moltissimi cicli solari e fino ad oggi ne sono stati classificati 24,il 24 è proprio quello in corso attualmente.

Qui sotto due grafici che mostrano i cicli solari dal 1 al 23 (1600-2000):





Qui sotto invece uno sguardo alla cosiddetta butterfly e ai cicli solari dal 12 al 24 (1870-2020):

Notate come l'attuale ciclo solare risulti piuttosto basso,a livello del 12 e del 14.



Ciclo 23 e 24:



Il ciclo 24 quindi risulta basso rispetto agli altri e alcune proiezioni dicono che si possa andare incontro da una fase di minimo solare molto simile a quella di Dalton,statisticamente e seguendo il ragionamento del grafico,provando a stilarne un'ipotetica (non certa in quanto può essere che faccia un altro ciclo più forte o medio) proiezione direi che le teorie a riguardo siano più che fondate,potrebbe essere che il minimo 24 prosegua poi col 25 sempre con la stessa intensità o addirittura minore,direi più minore visto l'andamento medio delle macchie solari.
Perciò ecco perché molti parlano dell'avvio di una nuova era glaciale,cosa però che al momento non trova nessun riscontro,per dirlo sarebbe meglio aspettare il proseguo di tutto questo minimo e vedere come potrebbe essere il prossimo.

____________________________________________________________________________________________________________________

Dopo questo breve focus partiamo allora subito con questa prima correlazione tra gli Inverni italiani e l'attività solare dal 1951 al 2010:

Sapevo che in fondo in fondo il sole ci mettesse il suo zampino e infatti la correlazione qui sotto tra Solar Flux unita al Sunspot Number riscontra una moderata affidabilità,denotando come in periodi di minimo solare (cambio di ciclo) vi corrispondano inverni italiani per lo più freddi e sottomedia,vedere il periodo compreso tra il 1961 e il 1977,inoltre altri casi li riscontriamo tra il 1983 e il 1989.
Però attenzione perché sempre in periodi di bassi SF e SSN si possono avere strappi alla regola,vedi ad esempio il periodo 1971-1983 o addirittura il 1994-1998 quest'ultimo caso più evidente.
Altro discorso in caso di elevati SF e SSN,però anche in questo caso la correlazione non risulta sempre efficace in quanto ci sono a volte anche notevoli differenze sostanziali.



Allora dopo aver detto tutto questo,cosa ne dobbiamo dedurre ??

Semplifico tutto in poche parole.

1 (Nei periodo di bassa attività solare - cambi di ciclo) - Nel 65 % dei casi l'Inverno può esser freddo,mentre per il restante 35 % possono esserci eccezioni con inverni caldi di fila,oppure super caldi immersi in un contesto di inverni freddi o nella media.

2 (Nei periodo di elevata attività solare - fasi elevate di ciclo) - Nel 55% dei caso l'Inverno può esser sopramedia,mentre per il restante 45 % vi possono esserci casi anomali (vedere sopra).

ps: Le percentuali sono state fatte cosi ad occhio,in seguito e con maggior casi a disposizione verranno fatte matematicamente.

_____________________________________________________________________________________________________________________


Dopo aver analizzato i casi degli Inverni italiani,passiamo direttamente alla correlazione tra attività solare (SSN) e l'attività dei 2 vortici polari (NH,SH) partendo dal nostro,periodo di riferimento (1983-2004) - divisione tra anni di alta attività solare e anni di bassa -:



1983-1988 (NH Polar Vortex) - Low SSN -:


1983-1988 (NH Polar Vortex) - Low SSN - :




1989-1993 (NH Polar Vortex) - Strong SSN - :


1989-1993 (SH Polar Vortex) - Strong SSN - :




1994-1999 (NH Polar Vortex) - Low SSN - :


1994-1999 (SH Polar Vortex) - Low SSN - :




1999-2004 (NH Polar Vortex) - Low SSN - :


1999-2004 (SH Polar Vortex) - Low SSN - :



Per concludere l'andamento dei 2 vortici polari (NH,SH) 1979-2014 + SSN:



NH:


SH:


In conclusione ??

Sembrerebbe che nei casi di basso SSN (numero di macchie solari) i due vortici (NH,SH) risentono di notevoli anomalie positive lungo il loro piano isobarico con frequenti W e anche qualche MMW,correlazione quindi piuttosto elevata che rispecchia la situazione sopra.
Mentre al contrario nei casi di elevato SSN i due vortici polari (NH,SH) risentono di anomalie piuttosto varie lungo il loro piano isobarico,però se ne denota che quelle negative siano leggermente superiori a quelle positive.
Quindi in breve non si può fare una correlazione precisa e molto affidabile,anche se il quadro è piuttosto similare a quello sopra,il che lascia dire che c'è un certo grado di precisione correlativa in tutto ciò.



Per finire ecco la correlazione finale tra attività solare e andamento delle temperature globali + correlazione con qualche indice climatico

Correlazione tra temperature globali e attività solare:

Guardando i grafici sotto,sembrerebbe che l'attuale riscaldamento delle temperature globali sia secondo me la causa di una lunga e prolungata moderata attività solare chiamata col nome di ''Moder Maximun'' che comprende i cicli solari dal 16 al 24.
Il nostro pianeta quindi si è surriscaldato a causa di quel prolungato periodo di moderata attività solare che va dal 1940-2014 (feedback) e potrebbe continuare secondo l'analisi dei grafici e secondo me per altri 5 anni con però andamento verso la stabilità e il calo progressivo,più evidente dal 2020-2025.








Interessante è poi la correlazione tra PDO e SSN:



Idem per l'attività geomagnetica:



Anche queste correlazioni meritano di entrare in questo topic,peccato manchi quella con i sunspot number (siamo un'po OT ma non troppo):






Per concludere ecco l'andamento attuale delle temperature globali di terre e oceani:






Commento:

Dall'analisi sopra se ne può rilevare che il sole è il motore di tutto e spiega anche molti fenomeni che avvengono sul nostro pianeta,d'importanza vitale per lo stesso come già detto.
Ecco un'interessante studio e connessione riguardante il sole,i terremoti e l'atmosfera (compresa la meteo): http://daltonsminima.altervista.org/2014/01/22/alexander-sytinskaya-uno-scienziato-poco-conosciuto/


ps: Analisi da prendere non come studio scientifico ma come semplice deduzione personale,solo il tempo potrà dire più o meno se è veritiera o meno,che sia da prendere quindi con le dovute cautele,ma anche come semplice correlazione.





Fabri93


_________________
La vità è come un temporale,la quale si forma e si dissolve subendo continue evoluzioni (Fabri93)
IL nuovo sito meteo dedicato a Empoli (fi) http://empolimeteo.phpbbitalia.com/

    La data/ora di oggi è Dom Giu 25, 2017 6:55 pm